Buon 40° compleanno, Pandino!

Da Federico Cristalli • Pubblicato il 04 Mar 2020 in Eventi

Nessun commento

Buon 40° compleanno, Pandino!

Per Fiat e FCA, il 25 febbraio scorso è stato un giorno di festa, soprattutto a Pomigliano d’Arco, dove si è celebrato il 40 ° anniversario della Panda. La piccola auto che ha scritto la storia dell’automobile è ora prodotta nella fabbrica campana ed è qui che Pietro Gorlier, responsabile dell’attività in Europa, Medio Oriente e Africa della FCA, ricorda i suoi successi:

«oltre 7,8 milioni di unità registrate, è un traguardo prestigioso in 40 anni. La Panda può vantare importanti titoli come il modello più venduto in Italia per 8 anni consecutivi o quello di essere leader del segmento A in Europa dal 2003».

Questa è l’occasione perfetta per ripercorrere l’evoluzione del “Pandino” che, dal 1980, ha guidato il mercato delle autovetture da città. Qui offriamo le 10 Panda più emblematiche e importanti nella storia del modello. La nostra classifica ripercorre le tappe della city car più venduta in Italia, dalla spartana Panda 30 del 1980 alla Panda ibrida del 2020. (Ri)scopriamo la storia di questa macchina storica.

 

Fiat Panda (1980)

Il 25 febbraio 1980 iniziarono gli ordini per la prima Fiat Panda (progetto 141), immessa sul mercato nelle due versioni 30 e 45.

La Panda 30 ricevette il motore bicilindrico raffreddato ad aria dalla vecchia 126 mentre la Panda 45 ricevette il 4 cilindri raffreddato a liquido dalla Fiat 127. Il prezzo base si aggirava intorno ai 4 milioni di lire. Il successo fu immediato, come tutte le novità Fiat dell’epoca. Lo stile esterno e interno semplice e razionale progettato da Giorgetto Giugiaro contribuì notevolmente a questo successo. Alla fine della produzione nel 2003 e dopo due restyling, la Fiat Panda di prima generazione giunse alla fine del suo viaggio.

Fiat Panda 4×4 (1983)

Prima della Fiat Panda 4×4, le auto a quattro ruote motrici erano solo rozzi fuoristrada militari o alcune berline giapponesi in edizioni limitate. Nel giugno 1983, il sistema 4×4 sviluppato dall’azienda austriaca Steyr-Puch fece il suo debutto sul primo Panda 4×4 equipaggiato con un motore “mille”, un quattro cilindri da 48 CV.

Iniziò così la carriera della trazione integrale più piccola ed economica sul mercato, tutte dotate di una prima velocità ridotta e in grado di affrontare pendenze fino al 43%. Una vera regina delle Alpi e dei Pirenei, anche oggi.

Fiat Panda 4×4 Sisley (1987)

La prima generazione di Fiat Panda 4×4 assume un aspetto ancora più alla moda nella sua edizione limitata Sisley 4×4, rilasciata nel 1987. Quest’ultima enfatizza un look “avventuroso” ed elegante. È prodotto in collaborazione con il marchio cosmetico Sisley.

Vernice metallizzata, portapacchi specifico, sedili in ecopelle e Alcantara, grafica dedicata e cerchi in avorio sono solo alcune delle caratteristiche che rendono questa edizione limitata speciale per i giovani fan degli anni ’80, per non parlare dell’inclinometro sul cruscotto.

Fiat Panda Elettra (1990)

Forse troppo in anticipo sui tempi, la Fiat Panda Elettra del 1990 cercò di offrire una mobilità a emissioni zero in un momento in cui l’argomento non era ancora in primo piano nel dibattito pubblico. Il motore Panda 750 venne sostituito da un motore elettrico da 12,5 CV (9,2 kW) che consentiva alla Panda Elettra di raggiungere 70 km/h e percorrere fino a 100 km con una batteria al piombo piena.

Tuttavia, il prezzo raddoppiò rispetto ad altri modelli precedenti di Panda. Questo fattore, unito al basso interesse che gli italiani avevano allora per l’auto elettrica, sancirono l’uscita dal mercato di questo modello nel 1998. Tuttavia, come dato storico, va ricordato che l’Elettra fu una delle primissime se non la prima auto elettrica prodotta in serie al mondo: un primato tutto italiano della casa automobilistica torinese.

Fiat Panda (2003)

La seconda generazione della Fiat Panda (progetto 169) fu anche la prima generazione ad avere in dotazione le cinque porte, il che la rese subito una delle auto più amate dagli italiani. L’autopompa antincendio in tutte le sue versioni era già più avanzata della vecchia generazione, ma il diesel 1.3 MultiJet contribuì anche alla conquista di altri mercati. I motori a GPL e metano completarono la gamma nel corso degli anni.

La nuova versione 4×4 fu ancora più sofisticata, con una trazione integrale permanente con un sigillo viscoso. In seguito, ci furono due lifting leggeri, fino al 2012.

Fiat Panda Natural Power (2006)

Nel 2006 è nato il primo modello di Panda alimentato a metano, Panda Panda o Panda Natural Power. Il motore era un 1.2 Fire da 60 CV atmosferico e la carrozzeria quella della Panda 4×4.

La scelta fu dettata dalla necessità di alloggiare le bottiglie di metano (circa 13,1 kg in totale) negli spazi lasciati liberi dalla trazione anteriore anziché dalla trazione integrale. Per quasi 15 anni, Panda Natural Power è stata la risposta ecologica di Fiat alle esigenze di mobilità sostenibile.

Fiat Panda 100HP (2006)

La 100 CV del 2006 è l’unica Fiat Panda a essere stata pensata come un’auto sportiva, quella che, come suggerisce il nome, sviluppa 100 CV grazie al motore 1.4 Fire 16 valvole. Questa Panda non è stata rivisitata da Abarth, ma le prestazioni e l’aspetto della Panda 100 HP ricordano le macchine Scorpion.

L’attrezzatura è minimalista, i quattro freni a disco e il cambio manuale a 6 marce la rendono una piccola auto sportiva che va a 185 km / he impiega 9,5 secondi da 0 a 100 km/h.

Fiat Panda (2012)

Nel 2012, l’idea della precedente Panda è stata reinterpretata: ancora con 5 porte, ma con una migliore abitabilità. La Fiat Panda del 2012 (progetto 219) è, con una serie di piccoli aggiornamenti, la stessa che troviamo ancora oggi presso i concessionari e quella prodotta nello stabilimento di Pomigliano d’Arco.

Nel 2018, ha perso il motore diesel, come tutte le city car del marchio. Mentre le versioni benzina, GPL e metano rimangono in vendita. La novità proveniva principalmente dal nuovo motore a benzina TwinAir Turbo.

Fiat Panda City Cross (2017)

Come la generazione precedente, anche la Panda si offre sotto forma di un piccolo crossover fuoristrada: la Panda City Cross, rilasciata nel 2017. Lo stile è molto simile a quello della Panda Cross 4×4, ma con trazione anteriore.

Per differenziarlo dalla Cross 4×4, basta guardare le ruote. L’auto è dotata di cerchioni a cinque “branchie” invece di cerchi in lega e le protezioni laterali sono in tinta con la carrozzeria. Tra le altre differenze si nota anche l’assenza di ganci di traino rossi nel paraurti anteriore.

Fiat Panda Hybrid (2020)

La più recente e, in un certo senso, la più innovativa è la Panda Hybrid, la prima Panda elettrificata altamente customizzabile che offre il sistema ibrido leggero con il nuovo motore atmosferico FireFly 1.0 da 70 CV. Gli ordini sono già aperti per Panda City Cross Hybrid Launch Edition, con un prezzo base di 15.490 euro e un consumo di carburante di soli 5,8 l / 100 km (WLTP).

 

 

 

Lasciate un commento

Il vostro indirizzo di posta elettronica non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *